Studio Legale Rulli
25-01-2021
IL TRUST
Come assicurare il patrimonio in favore dei soggetti fragili
L`istituto del Trust ha origine anglosassone ed è stato introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 9 ottobre 1989, n. 364, in recepimento della Convenzione dell`Aja del luglio 1985. Con il trust un soggetto (settlor, o disponente) trasferisce uno o più beni ad un altro soggetto (trustee, o fiduciario o gestore), affinché li utilizzi a vantaggio di un terzo beneficiario (beneficiary) o per il perseguimento di uno scopo. Secondo quanto prevede l`art. 2 della Convenzione citata, il vincolo di destinazione mantiene i beni in trust distinti dal patrimonio del trustee, cui è demandato di `amministrare, gestire o disporre dei beni in conformità alle disposizioni del trust e secondo le norme imposte dalla legge al trustee; benché il trust non abbia personalità giuridica, dunque, il trustee è l`unico soggetto legittimato nei rapporti con i terzi, in quanto dispone in esclusiva del patrimonio vincolato alla predeterminata destinazione" (Cass. 22 dicembre 2015, n. 25800). Attraverso il Trust si realizza lo scopo della Legge del "dopo di noi", trattandosi di un atto dispositivo che realizza l`interesse di tutelare le persone con disabilità nel momento in cui si troveranno privi dell`assistenza morale e materiale dei loro cari. Molto spesso, infatti, i genitori di persone con disabilità si preoccupano del futuro dei loro figli e di chi si occuperà del loro bene allorquando non potranno più farlo. Attraverso il trust è possibile assicurargli, quantomeno, la sicurezza di poter loro assicurare un sostegno economico.
Avv. Giorgia Rulli
Via Algajola 22 - 00122 Lido di Ostia (RM)
Via Tibullo 10 - 00193 Roma (RM)
Cell: 3939270014
Email: giorgiarulli@studiorulli.it
P.IVA: 07036251002